Spegnere la profezia

Gesù dice una verità inoppugnabile: per non so quale perverso meccanismo i profeti mentre sono vivi non vengono riconosciuti, e dopo la loro morte si dedicano loro vie e piazze e scuole superiori.

Penso all’immagine dei funerali del grande Papa Giovanni Paolo, con i grandi della terra accordi al suo cospetto e rilasciare attestazioni di immensa stima, dopo avere tranquillamente ignorato le sue richieste di giustizia e di pace mentre era in vita!

Così Gesù se la prende con coloro che in teoria avevano tutti gli strumenti per riconoscerne la missione: gli studiosi, i letterati, i dottori della legge che, per chissà quale ragione, sono arroccati sulle loro posizioni e rifiutano di mettere in discussione le loro assodate certezze per riconoscere in lui il Messia.

Ai figli del Maestro è chiesto di riconoscere i profeti di oggi, anche se questi talvolta ci sferzano con linguaggio duro e ci richiamano all’essenzialità del Vangelo, non commettiamo l’errore di mettere ai margini i profeti di oggi come sono stati messi ai margini i profeti di ieri, da don Milani a don Mazzolari che pagarono con il sospetto la loro profezia.

I dottori della legge, stizziti e offesi, diventano ostili a Gesù: prevale il loro amor proprio e non la verità nel cuore. Riconosciamo i profeti che il Signore ci porrà di fronte e ben vengano le parole dure nei confronti dei nostri atteggiamenti, purché esse ci conducano alla verità di noi stessi e di Dio…      

Ritornare al “sè”

Quando succede nella vita del credente? Quando succede di perdere di vista l’essenziale e farsi travolgere dal proprio ego spirituale e erigere attorno a sé un muro di incenso finendo col manipolare la realtà? Gesù si scaglia contro i farisei, ma ne ha anche per i dottori della Legge, di ieri e di oggi.

Non se la prende con l’osservanza minuziosa della Legge che portava i farisei a pagare, addirittura!, la decima parte delle spezie, ampliando l’interpretazione della norma.

Non è il sincero zelo che condanna Gesù, ma l’avere dimenticato l’essenziale, l’origine di ogni regola, tanto più di una regola che si pensa derivare direttamente dalla volontà di Dio! Gesù, ai dottori della Legge, i conoscitori della Parola, a noi che siamo più dentro la conoscenza della teologia e della catechesi, chiede di portare i pesi insieme alle persone.

Non siamo dei maestri che dall’alto della propria supponenza impongono pesi che non vogliamo portare, ma fratelli che, nella semplicità e nell’autenticità, nella conoscenza dei propri limiti, condividono i fardelli gli uni degli altri, senza giocare a chi sia il più santo e devoto!      

Purificare l’interno

È esigente il Signore, specialmente con noi devoti.

Chiede una sintonia assoluta fra il dentro e il fuori, fra il detto e il vissuto. All’apparenza anarchico e senza regole, in realtà il Signore riporta la Legge di Dio alla sua radice, alla sua origine, come manifestazione di fede, non come ostentazione di bravura e di devozione.

Così ci obbliga, il Signore, ad essere sinceri e leali: non si bara davanti a Dio. Non spaventatevi, però: la stragrande maggioranza delle cose che facciamo sono frutto della nostra devozione, non una richiesta di Dio. Dio non è affatto severo con noi.

Lo è se ci arrampichiamo sui vetri dell’esteriorità per mostragli che siamo dei pii credenti!

Non chiede belle statuine, il creatore dell’uomo: sa bene che proveniamo dal fango. E suggerisce un atteggiamento che è del discepolo: diamo in elemosina ciò che c’è dentro noi stessi.

Non misuriamo il dono, il gesto di bene che possiamo compiere, la disponibilità e la generosità.

Diamo in elemosina il dentro, l’essenziale, ciò che siamo in profondità, il resto ci verrà in cambio, una misura colma e ben scossa ci sarà versata in grembo…