Mi ami tu?

A conclusione del nostro tempo pasquale, leggiamo oggi lo splendido incontro tra Pietro e Gesù alla fine del vangelo di Giovanni.
Il dialogo, conosciuto da molti, è straordinario e sigilla la definitiva amicizia tra Pietro e il suo Maestro.
La lingua greca è piena di sottigliezza che la traduzione italiana in parte tradisce.
In greco esistono tre modi per indicare l’amore: l’amore di attrazione, erotico, quello di amicizia e l’amore grande, quello ideale, quello legato all’esperienza di Dio.
Gesù le prime due volte chiede a Pietro: «Mi ami di amore grande?» e Pietro risponde, sconsolato: «Ti amo di amore di amicizia».
Povero Pietro! L’apostolo entusiasta, il focoso, l’irruento, quello disposto a morire per il Maestro, ha misurato il proprio fallimento, il proprio limite e non osa più esporsi, sbilanciarsi.
Credeva di amare Gesù di un amore focoso e travolgente, ma nel cortile del Sinedrio una serva ha mostrato l’inconsistenza del suo amore…
Per la terza volta Gesù parla.
Questa volta è lui che abbassa lui il tiro e chiede a Pietro un amore di amicizia.
Pietro tace, è rattristato, è stato Dio a dover abbassare le pretese, e risponde: «Cosa vuoi che ti dica, tu mi conosci, sei tu che misuri il mio amore!»
Grande Pietro!
A te il Signore ora chiede fedeltà, a te di occuparti dei fratelli, senza sogni smisurati, senza pretese, senza illusioni.
Ora potrai davvero essere un buon pastore, non un giudice, perché cosciente del tuo limite…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...