Se non sono io a parlare del Vangelo nel mio ufficio, chi ne parlerà?

ufficioIl Signore manda ciascuno di noi a raccontare la sua Parola là dove viviamo; siamo abituati a immaginarci i missionari come a delle persone “speciali”, particolari che compiono scelte radicali per condividere la vita e annunciare il Vangelo ai popoli lontani.
In realtà ciascuno di noi è inviato dal Signore a raccontare con la vita la sua esperienza di fede, là dove vive.
Anzi, possiamo chiederci: se non sono io a parlare del Vangelo nel mio ufficio, chi ne parlerà?
È giunto il tempo, ed è questo, in cui ogni credente deve sentire forte la spinta ad annunciare la presenza di Dio e la sua immensa tenerezza, senza fanatismi, né stranezze, sempre pronti a rendere ragione della speranza che è in noi, come direbbe san Pietro.
Motore e benzina dell’annuncio resta l’incontro intimo e personale con Dio: facciamo luce solo se siamo accesi.
Così, oggi, siamo invitati ad accogliere coloro che ci annunciano la Parola, in particolare coloro che hanno consacrato la loro vita all’annuncio del Vangelo.
Rischiamo di avvicinarci alla Chiesa con mentalità mondana, giudicando un predicatore dalla sua efficacia e dalla sua originalità; certo: occorre che noi pastori siamo sempre autentici e pronti a mettere in discussione le nostre abitudini, più attenti al vento dello Spirito che alle nostre opinioni, ma occorre che tutti nella Chiesa, fedeli laici e pastori, riconosciamo l’aspetto misterico, cioè impregnato di logica divina, del nostro vivere in comunità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...