Commento al vangelo di domenica 24 febbraio 2013

trasfigurazione

Iniziando questo cammino che ci conduce al passaggio dalla morte alla vita, la Pasqua, abbiamo paragonato questo itinerario ad un’avventura mozzafiato. Ogni settimana possiamo scoprire un nuovo passaggio segreto che ci introduce ad un nuovo cammino e ci permette di attraversare senza danni le tentazioni sparse sul nostro percorso.

Ricordi il primo passaggio? Certamente! Il silenzio.


In questa pagina: Gesù prende con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e sale sul monte a pregare.
Chi ama la montagna sa cosa significa salire su un monte: fatica, sudore, pause, paesaggi incantevoli. Camminare, lo sappiamo, fa parte del nostro essere uomini: non possiamo stare fermi, dobbiamo muoverci, crescere. Per questo per noi cristiani il pellegrinaggio ha sempre avuto un fascino particolare, perché ci ricorda chi siamo: uomini in cammino verso la pienezza, la gioia, la felicità duratura.
Certo capiterà di aver male ai piedi, di essere scoraggiati, delusi dal percorso troppo impegnativo. Forse ci saranno momenti – chissà, magari è ciò che stai vivendo tu proprio ora – in cui ci domanderemo: “Ma ce la farò mai? Riuscirò a raggiungere la vetta della montagna? Ad arrivare alla gioia della cima?”.
In qualche tratto dell’ascesa, questa nostra quaresima, ma la vita tutta!, ci sarà cattivo tempo. Qualcosa, che non dipende da noi, cercherà di metterci fuori combattimento. Magari salirà la nebbia che non ci confonderà sul giusto sentiero.

Forse stai vivendo un periodo di indecisione: quale sentiero prendere? Quale bivio porta alla cima? Perché la nebbia? Perché proprio ora?
Se non è la nebbia, certamente raggiungeremo qualche passaggio difficile.

Siamo così spesso abituati ad avere in bocca pensieri di scoraggiamento e delusione, che quest’esclamazione di Pietro, mi pare in realtà il passaggio segreto di questa settimana.
Siamo così spesso abituati a dire: non ho capito nulla! Che brutto! Che noioso! Che barba! Che banalità!
Invece abbiamo bisogno di bellezza. Cominciamo semplicemente portando sulle nostre labbra quest’affermazione: che bello! Se ti capiterà di vivere la Messa, quando entri in chiesa, gridalo nel tuo cuore: che bello! Ripetilo quando di alzerai, nel silenzio, nel canto, nell’omelia, nella comunione: che bello!
La Messa che noi celebriamo la Domenica dovrebbe sempre essere questo salire sul Tabor per riempirci occhi e cuore della bellezza di Gesù. Facciamo delle nostre liturgie dei luoghi di bellezza! Bellezza della Parola, degli arredi, del canto, del silenzio, dello stare insieme come comunità…

Vorrei attirare infine la vostra attenzione su quel piccolo itinerario spirituale che Luca descrive nell’atteggiamento dei discepoli. Si parte dalla confusione di Pietro (“non sapeva quel che diceva”) e dalla paura generale (“ebbero paura”), all’invito forte della voce che esce dalla nuvola (“ascoltatelo”) e si approda al silenzio (“Essi tacquero”). Quanto assomigliamo ai tre amici di Gesù! Penso alle nostre confusioni e paure e a quanto pure noi avremmo davvero urgente necessità di fare nostro l’imperativo di quella voce: “Ascoltatelo”. Ascoltare Lui per fare un po’ di igiene mentale e di purificazione del cuore. Ascoltare Lui per zittire le distrazioni che ci portano alla deriva. Ascoltare Lui nella Sua Parola che quotidianamente viene annunciata e spezzata nelle nostre comunità. Ascoltare Lui per nutrire di cibo sostanzioso il nostro cammino di vivificazione quaresimale.
Coraggio cari amici! Lasciamoci illuminare dalla bellezza del Tabor, lasciamo che la sua Parola trasfiguri il nostro cuore e la nostra vita!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...