Commento al vangelo di Domenica 27 gennaio 2013

Lc 1,1-4; 4,14-21
Oggi si è compiuta questa Scrittura.

La liturgia di oggi ci fa ripartire dall’inizio del Vangelo. È un invito per tutti, un’affettuosa e dolce proposta: per chi lo ha già letto tante volte, per chi non lo ha mai aperto, per chi si accorge di quanto deve conoscerlo. Ascoltarlo e leggerlo ci aiuta a comprendere il senso vero della nostra vita, cioè la vocazione cui ognuno di noi è chiamato. Riprendere in mano il Vangelo può apparire poco per una generazione che consuma facilmente parole e situazioni, che le enfatizza, alla ricerca vorace del nuovo perché accetta così poco di andare in profondità.

Leggere sempre lo stesso Vangelo è la disciplina dell’uomo saggio che sa estrarre dal suo tesoro cose nuove e cose antiche. Qualche volta sembra di ripetere quello che già si sa, ma con il tempo e con la fatica del cuore, ne scopriamo il senso e capiamo cosa chiede oggi. Quanto è utile darsi una regola, ogni giorno, di un tempo in cui leggere il Vangelo e pregare! È l’invito di questa domenica in cui ascoltiamo quei versetti dell’inizio del Vangelo di Luca che non vengono normalmente proclamati. Leggiamo il Vangelo per non ridurre tutto a noi, per trovare cuore, sentimenti, perdono! Leggiamolo, per avere quella potenza che usciva dal corpo e dalla parola di Gesù; perché la tempesta del mondo trovi la bonaccia in quella parola che dice oggi al vento ed al mare di calmarsi.

“Oggi si è adempiuta questa Scrittura che voi avete udito con i vostri orecchi”. Gesù non commenta, compie! “Oggi”. La speranza non è più un sogno lontano, probabile, indefinito, quasi fosse ridotta ad un modo per sopportare meglio le difficoltà del presente. Il tempo non scorre più senza un orientamento. Dopo la Sinagoga di Nazareth tutti possiamo aiutare il Signore perché si compia per tanti il Vangelo. “Oggi” ti vengo a trovare! “Oggi” inizio a dire quelle parole di amore che non so più pronunciare o che sono sempre rimaste dentro! “Oggi” vado oltre il rancore, la paura, il giudizio; “oggi” scelgo di essere generoso, cambio atteggiamento, volto. “Oggi” chiedo perdono a chi ho offeso o tradito. “Oggi” ti aiuto, pover’uomo che chiedi ed hai bisogno di tutto. “Oggi” vogliamo che i malati dell’Africa trovino le cure che un mondo ingiusto vuole negare. “Oggi” possiamo aiutare ad uscire dalla prigione amarissima della solitudine, dall’oppressione della violenza e della guerra.

Non rimandiamo sempre al domani, per pigrizia e paura, per sciocco ottimismo. Oggi alziamo gli occhi e guardiamo i campi che già biondeggiano. Apriamo gli occhi del cuore e crediamo nell’amore, potenza del Signore, che egli dona ai suoi, speranza dei poveri e degli oppressi. È l’oggi di Dio. Che non finisce mai.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...