Il professore di religione: mai detto «Gay da curare»

Una tempesta in un bicchier d’acqua, come troppo spesso accade in fatti del genere. «Il mio intento non era assolutamente quello di offendere o di attaccare qualcuno, come è stato scritto e la polemica che si è accesa, a mio avviso, è slegata dal contesto reale». Anche perché «mai ho considerato l’omosessualità una malattia da curare e ancor meno ho pensato che pedofilia e omosessualità siano collegate». Lo precisa il professor Enrico Pavanello, da molti anni stimato docente di religione nella scuola convitto Foscarini di Cannaregio, a Venezia, che sollecitato dai suoi studenti del quarto anno ad una riflessione sui diritti dei gay, ha distribuito degli appunti scritti a mano che poi un ragazzo ha postato su Facebook.

Il docente ieri ha precisato che «il testo che, senza nessuna autorizzazione è girato via web, non è un volantino, ma è la sintesi di varie e numerose letture, recensioni, articoli, saggi, riferimenti a Format conosciuti dai giovani, che non esprimono il mio pensiero». Esattamente come può accadere a lezione. Infatti, precisa ancora Pavanello, «la mia intenzione era quella di fornire agli studenti materiali su cui innestare un dibattito su un argomento chiesto dagli stessi allievi». Il testo, fra l’altro, non è mai stato discusso, ma solo consegnato per una lettura personale al fine di far emergere obiezioni, domande, riflessioni». Dove sta l’errore, per altro ammesso dal docente? Nel fatto di non aver riportato le necessarie citazioni. E di questo Pavanello si rammarica e si scusa. Colleghi e studenti l’hanno immediatamente compreso, grazie al rapporto di fiducia che si è creato in tutti questi anni di lavoro insieme. Monsignor Valter Perini, delegato per l’evangelizzazione e la catechesi del Patriarcato di Venezia, conferma anche lui che «l’insegnante, conosciuto e stimato, non aveva nessuna intenzione di mancare nei confronti di nessuno». Al tempo stesso, ritiene «opportuno esprimere il più sincero rammarico se qualcuno si è sentito in qualsiasi modo offeso e, con l’occasione, ribadire il più assoluto rispetto verso ogni persona».​

Annunci

3 pensieri su “Il professore di religione: mai detto «Gay da curare»

  1. Il papà Ratzinger si é dimesso…Babilonia la grande sta per cadere.
    La fine del sistema malvagio è vicina, la politica e religione verrà distrutta.
    Pentiti o sari anche te tra i distrutti.
    Parlane con qualcuno competente, io come anziano sorvegliante di circoscrizione dei testimoni di Geova sarò lieto di assistetti.Sorvegliante viaggiante dei testimoni di Geova, se sei debole spiritualmente o hai dei peccati nascost chiama, Moriello Pasquale
    82030 San Lorenzello (BN)
    Tel:0824816747
    Via Serre, 8

    Che Geova sia sempre con te

  2. Vergogna!
    il mondo intero si batte per il diritto umano….anche la chiesa in parte accetta la diversità da quello che per anni si è pensato fosse lo standard.

    Per anni ero in cura dallo psiichiatra,ho tentato di suicidarmi perché non rientravo nei canoni della religione dei mie genitori.ho tentato di cambiare,
    Ho bruciato gli anni più bellie importanti della mia vita per cercare di essere ciò che il dio Geova mi si iceba che volesse.
    La pressione e gli abusi subiti da voi anziani testimoni di Geova sono stati brutali. L’ignoranza brutale vi ha permesso di sovrappor i ai miei genitori, come se voi fosste gli eletti di Dio.
    Solo per questo dovreste essere in galera.
    Non sono un perverso, e nemmeno un’animale, ora bio la mia normale vita insieme al mio compagno che a differenza vostra mi ama per quello che sono.

  3. Benvenuto nel club, amico mio.
    Tutti noi con genitori bigotti testimoni di geova abbiamo solo subito!
    Abbusi, rinuncie, percosse per rientrare nei canoni della setta!
    Se ce un Dio, glielo tara pagare!
    E se non esiste…che il Diavolo se li porti via.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...