Il Card. Martini chiude la rubrica sul Corsera

Nelle ultime settimane ha avuto modo di incontrare un ultima volta il Papa, in occasione della visita di Benedetto XVI a Milano Poi si è recato ancora una volta nella redazione del ‘Corriere della sera‘ per partecipare ad una riunione di redazione. E ora il card. Carlo Maria Martini, gesuita, 85 anni, arcivescovo emerito di Milano biblista insigne, a lungo capofila dei progressisti nella Chiesa cattolica mondiale, ma anche personaggio-chiave dell’elezione al soglio pontificio di Joseph Ratzinger – un uomo a cui lo lega una stima reciproca non priva di divergenze teologiche, esegetiche ed ecclesiologiche – si accomiata dai lettori del quotidiano di via Solferino, dopo aver tenuto per tre anni una rubrica sui grandi temi della fede, della politica e della morale.

Con un ultimo intervento pubblicato sulla prima pagina del ‘Corsera’, che ha il sapore del commiato dalla scena pubblica, Martini spiega che l’avanzare dell’età e della malattia (quel morbo di Parkinson che da anni lo ha costretto ad una vita appartata) lo inducono a proseguire quel dialogo “con il cuore”. E torna a prospettare l’avvicinarsi della morte con parole utilizzate sempre più frequentemente nei suoi ultimi interventi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...