La Lega: dal crocifisso… all’attacco del card. Tettamanzi

La Lega nord non lascia, anzi raddoppia: dopo l’attacco di ieri della Padania, all’indirizzo del cardinale Dionigi Tettamanzi, arcivescovo di Milano, reo di aver criticato la politica dell’amministrazione meneghina con gli immigrati e i rom, arrivano le bordate del coordinatore del Carroccio Roberto Calderoli: “Tettamanzi con il suo territorio non c’entra proprio nulla. Sarebbe come mettere un prete mafioso in Sicilia“. L’uomo di Chiesa non si immerge nella polemica, si limita a dire di fronte alle telecamere: “Sono sereno, riscopro uno dei doni più grandi che mi ha fatto il Signore, quello della libertà”.

E all’accusa di essere lontano dal territorio, risponde: “Non so se ce n’è un altro in alto loco che sia così con continuità in mezzo alla gente”. L’attacco alimenta la polemica politica e contro l’esponente leghista bacchettate arrivano dall’opposizione ma anche dall’interno della maggioranza, con il presidente della Camera Gianfranco Fini che sceglie l’ironia: “Il presepe – dice – è pieno di extracomunitari…”. Le accuse a Tettamanzi (la Padania si era chiesta se fosse un vescovo o un imam) sono giustificate secondo Calderoli dal fatto che “non parla ai milanesi, perchè per esempio – si chiede – Tettamanzi non è mai intervenuto in difesa del crocifisso. Perchè parla solo dei rom?”. E poi, aggiunge, “tra le nostre posizioni e quelle della maggioranza dei vescovi, della Chiesa romana fino alla Cei, c’è la massima assonanza. Non con quelle di Milano”. Tace il Governo, solo il ministro per l’Attuazione del Programma Gianfranco Rotondi prova a ridimensionare il caso: “Sono un estimatore anche entusiasta – afferma – delle virtù politiche del collega Calderoli, meno, naturalmente, di quelle teologiche; per cui mi affretto ad esprimere stima a Tettamanzi, vescovo amato da tutti i cittadini della città più accogliente del mondo”. Sulla stessa lunghezza d’onda l’ex portavoce vaticano, Joaquín Navarro Valls: “E’ una battuta, non la prenderei sul serio”, commenta. Durissime le opposizioni: il leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini definisce “vergognoso” l’attacco della Lega e accusa il Carroccio di difendere il crocifisso per poi “spaccarlo in testa agli immigrati”. Massimo Donadi dell’Idv bolla l’affondo di Calderoli come “volgare, becero e di stampo fascista”. Per Rosy Bindi, presidente del Partito democratico, si tratta di un “inaccettabile attacco” a un “interprete autorevole della chiesa conciliare”, ed è “penoso, poi, il tentativo di Calderoli di dividere la chiesa italiana in buoni e cattivi, attribuendo un impossibile assonanza tra le posizioni xenofobe e razziste della Lega in materia di immigrazione e i vertici della Cei”. Ma le polemiche sugli immigrati stressano soprattutto il centrodestra. Fini chiede agli alleati di “confrontarsi senza anatemi o battute propagandistiche”. E ribadisce il no all’esclusione dei reati di immigrazione dai benefici del processo breve. E il presidente della commissione Antimafia Giuseppe Pisanu (Pdl) deplora “l’attacco rozzo e volgare” al cardinale. “A Tettamanzi – osserva – si è voluta impartire una lezione di pastorale cristiana da parte di un esperto di matrimoni celtici”. Ma poi spara una bordata all’indirizzo dell’intera maggioranza perché l’aula del Senato non ha ancora trovato il tempo per discutere una risoluzione, approvata all’unanimità l’8 aprile scorso dalla commissione Esteri del Senato, e dedicata all’approccio globale in tema di immigrazione. “Sebbene questo sia il Senato più sottoccupato della storia della Repubblica – dice – non si è trovato lo spazio per affrontare questo argomento”. Affermazione che si merita una replica risentita da Cosimo Izzo, uno dei vicepresidenti dei senatori Pdl: quello che dice Pisanu “non risponde a verità, e stupisce che qualcuno lo possa pensare”, dice.

Annunci

9 pensieri su “La Lega: dal crocifisso… all’attacco del card. Tettamanzi

  1. Gesu’ dialogava e a volte gridava..annunciando le ingiustizie.
    I profeti del Signore annunciavano, il Cardinale annuncia ingiustizia e…la lega grida..se fosse serena nel cuore.. dimostrerebbe.. un sorriso Paolo grazieeeeeeee

  2. Scusami se ti ho un po’ abbandonato nelle ultime settimane ma non ho potuto visitare come faccio normalmente altri blog per impegni di varia natura, tra i quali, alcuni giorni or sono, il ponte dell’Immacolata…
    Ma quando il centro destra non abbandonerà la Lega?
    La “butto” in politica ma sarebbe ora che entrambi gli schieramenti tenessero in maggiore considerazione i valori etici e non solo la “politica politicante” e per il centro destra questo signficherebbe anche quanto meno imporre alla Lega che certe dichiarazioni o certi comportamenti non li debba più assumere, una volta per tutte, se vuole rimanere a far parte dello schieramento di cui adesso è una componente importante.
    Ciao a presto.

  3. La lega per me e’ una mina vagante… che fa’ piacere al governo, cosi’ ha tempo per altre stupidaggini…ma no, al paese che ha bisogno di vedere i fatti..e sopratutto Paolo sai cosa mi fa’ tanto dolore?
    Qui all’estero come veniamo considerati, senza piu valori etici e per molti senza morale cristiana, che non e’ divieto ma una scelta che incontra la vera Vita..e la Verita su essa…
    Il mio Blogg e’ stato preso di mira dagli acker, mi hanno cancellato tutte le pagine delle riflessioni lasciandomi solo una pagina..da un momento all’altro potrebbero cancellarlo..
    Una serena serata in famiglia ed un sorriso in Cristo!

  4. ti avevo lasciato un commento articolato che il sistema si è mangiato…. adesso ti lascio solo un augurio di buon tutto

    mirco

  5. Questo argomento mi confonde.
    Da una lato c’è il Vangelo, e va preso per intero, o ci sei dentro, o sei fuori. E per starci dentro, la parola giusta è Carità.
    Ma c’è la verità dei fatti, che dice che non c’è un quadro idilliaco nell’accoglienza, solo sfruttamento e pressapochismo buonista. E questo dovrebbe preoccupare e dispiacere, oltre che occupare, anche Tettamanzi.
    Detto questo, la lega esce spesso dal seminato e ci sono modi e modi di esprimersi, soprattutto in politica.

  6. @Antonio: credo che tu abbia colto nel segno. La carità non può confondersi con il buonismo come il bisogno di sicurezza non può confondersi con l’ingiustizia e il razzismo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...