Mills fu corrotto da Berlusconi: il verdetto in 367 pagine

 Oggi non possiamo parlare che di questo… purtroppo.

I giudici della decima sezione del Tribunale di Milano, presieduta da Nicoletta Gandus hanno dichiarato l’avvocato David Mills, colpevole di aver dichiarato il falso in ordine al ruolo avuto nella struttura Fininvest B Group creata da Mills e utilizzata per attività illegali e operazioni riservate al gruppo stesso. La sua condotta di “falso testimone – si legge nelle 367 pagine delle motivazioni di condanna – “per consentire a Silvio Berlusconi e al gruppo Fininvest l‘impunità dalle accuse, o almeno, il mantenimento degli ingenti profitti realizzati. Dall’altro lato (Mills) ha contemporaneamente perseguito il proprio vantaggio economico”.

I fatti
Al centro del procedimento che riguarda Mills (la posizione di Silvio Berlusconi è stata stralciata grazie al Lodo Alfano, in attesa che la Corte Costituzionale si pronunci sulla legittimità del provvedimento riguardante l’immunità e quattro più alte cariche dello Stato.

 Il dibattimento nei confronti di Berlusconi è quindi stato sospeso), c’è l’accusa secondo cui il legale inglese, tra il 1996 e il 1997, avrebbe incassato da Silvio Berlusconi 600mila dollari, estranei dalle sue parcelle professionali, come ricompensa per non aver rivelato in due processi (All Iberian e quello sulla corruzione nella Guardia di Finanza), le informazioni su due società off- shore usate da Mediaset, secondo la procura, per creare fondi neri. Una parte di questi profitti, conseguiti illegalmente, secondo il Tribunale di Milano, era destinata anche a Marina e Piersilvio Berlusconi. Si legge in un passaggio delle motivazioni: «Il fulcro della reticenza di David Mills in ciascuna delle sue deposizioni sta nel fatto che egli aveva ricondotto solo genericamente a Fininvest e non alla persona di Silvio Berlusconi, la proprietà delle società off-shore, in tal modo favorendolo in quanto imputato in quei procedimenti». Mills si è limitato a dire che a versare il denaro non sia stato Berlusconi. Ma il rischio prescrizione, entro il marzo 2010, è praticamente dietro l’angolo.

Annunci

Un pensiero su “Mills fu corrotto da Berlusconi: il verdetto in 367 pagine

  1. E’probabile che sia vero, e che Berlusconi non dovrebbe esserci in politica. Ha fatto anche cose – forse – poco raccomandabili. Oppure è una montatura. Da come conosco l’Italia è impossibile dire. Certo sarebbe auspicabile lo stesso zelo investigativo nei confronti anche di altri personaggi politici.
    Tu come la vedi?
    ciao
    S&P

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...