5 per mille ai terremotati: una guerra tra poveri?

 Le associazioni del terzo settore si ribellano alla proposta lanciata al ministro dell’economia, Giulio Tremonti, di assegnare una parte del 5 per mille del gettito Irpef, a cui concorrono associazioni di volontariato, enti locali, associazioni sportive, alle popolazioni colpite dal terremoto in Abruzzo. La proposta di Tremonti ”rischia di scatenare una guerra tra poveri e di cancellare il principio di sussidiarieta’ in base al quale e’ il cittadino che sceglie a che organizzazione della societa’ civile dare il proprio sostegno attraverso il 5 x mille dell’Irpef”, spiega Andrea Olivero, portavoce del Forum del Terzo Settore.

Il 5 x mille ha un tetto che in questo modo verrebbe decurtato insomma.

E voi che ne dite?

Annunci

9 pensieri su “5 per mille ai terremotati: una guerra tra poveri?

  1. Ciao paolo,
    capisco le paure ma non capisco fino in fondo la reazione delle ONLUS. La gente è rimasta senza nulla, nulla, occorrono tantissimi soldi per la ricostruzione e non mi sembra giusto protestare perchè non potranno avere il 5 per mille. C’è una popolazione che ha avuto un dramma, queste persone vivono sotto le tende non è il caso di polemizzare e mi dispiace che si creino queste spaccature nel paese sull’assegnare loro dei fondi straordinari. Probabilmente si destinerà solo quello di quest’anno io non la vedo così tragica. Spesso il 5 per mille si perde per piccole associazioni che non hanno nulla di volontariato, tipo comuni (che al momento non ne hanno bisogno come L’Aquila) o associazioni sportive.
    Cmq iper l 5 per mille le scelte inespresse rimangono tali e tutto rimane allo Stato, Tremonti al massimo potrebbe modificare questa norma per cui tutto ciò che non viene destinato per scelta rimane ai terremotati dell’Abruzzo. Ma non mi sembra il caso di dire no a questi fondi straordinari.
    Stiamo attenti perché dietro questa polemica, c’è chi ci soffia sopra, ed in parte ha innescato tutto. I radicali su questo argomento arriveranno a dire come hanno sempre fatto, se non l’hanno già detto perché non ho avuto modo di seguire bene la vicenda, che la Chiesa non sta facendo nulla nonostante l’8 per 1000, senza neanche sapere cosa stia facendo la Chiesa in questo momento per i nostri fratelli dell’Abruzzo e così via.
    un abbraccio
    terry
    PS paolo mi dispiace ma ho mancato la trasmissione ho visto stamattina il tuo commento, non sto usando molto il pc in questi giorni e sono in un posto in cui ho una connessione lenta.

  2. Terry, il problema è che il 5 per mille, a differenza dell’8 per mille, ha un budget definito e poi i soldi verrebbero dati nel 2011 (perchè così funziona il 5 per mille…).
    P.s. I radicali hanno già chiesto di utilizzare l’8 per mille….

  3. Ciao Paolo!

    Come sai, anch’io sono del parere che è opportuno destinare il 5 per Mille alle associazioni di volontariato di cui ci fidiamo. Altrimenti non ci saranno più volontari per le prossime circostanze tragiche che si dovessero verificare -non per cattiveria, ma per estinzione, dovuta alla penuria di finanziamenti.

    Chi poi non conosce nessuna associazione meritevole è liberissimo di lasciare il 5 per Mille allo stato.

    L’importante è che ciascuno faccia una scelta pienamente libera e consapevole!

    Ciao!

  4. Caro Paolo, ho la sensazione che i poveri siano davvero sempre in guerra, con qualcuno che vende loro armi. Siano fucili veri o ideologici… ancora una volta è per questo che dobbiamo sempre di più creare cultura di pace! Grazie per il tuo spazio sempre ricco di spunti.

  5. Caro Paolo , io sono favorevole a questa proposta del 5 per Mille , mi sembra opportuno ora aiutare loro.

    Grazie delle visite e dei commenti che mi lasci, ne sono onorata.
    Buona giornata!
    Dani

  6. Ci sono momenti che nella vita non si puo’ decidere se e’ giusto o sbagliato, in un cataclisma del genere come e’ successo in Abruzzo, poche parole e molti fatti, sii al 5 per mille e se si puo’ molto di piu’.
    L’Amore non e’ una parola astratta, l’Amore e fare… grazie Paolo che ci sei, grazie della tua presenza in internet…serena giornata..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...