Cattolici e politica: con i cattolici divisi serve l’intervento dei vescovi

 Vi proponiamo queste dichiarazioni di Mons. Fisichella che certamente fanno riflettere.

”Oggi, i credenti cattolici sono presenti in tutti i partiti con posizioni che non sempre riflettono i valori cattolici e quindi e’ piu’ difficile parlare di una precisa identita’ cattolica. Questa frammentazione della presenza cattolica ha portato ad una presenza piu’ immediata dei pastori e della Conferenza episcopale italiana, per intervenire quando ci sono questioni, nella societa’ e nella politica, che vanno chiarificate. Spesso, infatti, chi si dice cattolico in politica ha delle posizioni non conformi al criterio oggettivo che tiene insieme il cattolicesimo. Non capisco come possa un cattolico dirsi a favore dell’aborto o dell’eutanasia perche’ certi valori costituiscono dei veri capisaldi, dei principi costitutivi della propria identita’ di credenti. Questa presenza, tuttavia, espone anche al rischio di essere emarginati o derisi. Le nostre opinioni vengono banalizzate e ridicolizzate. Non siamo cittadini di serie B. Con i nostri interventi compiamo un atto di piena cittadinanza. Penso che la nostra voce non solo debba trovare spazio per esprimersi ma debba essere ascoltata senza pregiudizi e prevenzioni, perche’ se nel dibattito pubblico dovesse venir meno l’istanza religiosa, verrebbe meno un importante elemento per la formazione delle coscienze“.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...