Biotestamento: primo ok da Senato

 Primo disco verde al testamento biologico. Dopo una discussione a tappe forzate, il Senato ha approvato – con 150 voti favorevoli, 123 contrari e 3 astensioni – il disegno di legge che ora passa alla Camera. Un breve testo di nove articoli che, nato sulla scia del caso di Eluana Englaro, ha diviso il paese e interrogato trasversalmente le coscienze anche nel Parlamento. Alla fine, però, circoscritte le riserve nel Pdl, arginati i dissidenti di matrice ‘teodem’ nel Partito democratico, il Parlamento si è spaccato secondo linee partitiche corroborate da un acceso dibattito in aula.

Il testo di legge tutela la vita umana “anche nell’ipotesi in cui la persona non sia più in grado di intendere e di volere”. Non prevede che alimentazione e idratazione artificiali possono mai essere sospese. E delinea un ‘testamento biologico’ (dichiarazione anticipata di trattamento o, in inglese, ‘living will’) che si applica ai soli casi di pazienti in stato vegetativo.

E adesso via alle polemiche…

Annunci

4 pensieri su “Biotestamento: primo ok da Senato

  1. Dici bene “E adesso via alle polemiche…”
    Al di là del testo in sé che non ho ancora letto, dalle reazioni che ho sentito, veramente la battaglia si è già scatenata…
    Non entro nel merito, ma quello che di primo acchito mi sorge spontaneo è la percezione che stiamo annaspando nel buio, soprattutto perché la “luce” non nasce da rapporti costruttivi, da quelle relazioni che sono costitutive della persona umana… E questo vale in primis per chi è evangelicamente lievito nella pasta della società, fondendosi con essa. La strada è ancora lunga e la “profezia” evangelica del fermento cristiano nella società è spesso oscurata… Le nostre cominità cristiane hanno la coscienza di svolgere una “diaconia” speciale, non adombrata dal potere? Sono convinto però che i semi di una speranza nuova siano presenti ed operanti…

  2. La parte finale del tuo post è a mio avviso sbagliato: non si tratta di essere polemici (e credo che tu ti rivolgi a coloro i quali non apprezzano il testo di legge presentato dal centrodestra) si tratta di avere posizioni diverse. E’ possibile avere posizioni diverse sul testamento biologico o su altri temi definiti “eticamente sensibili” oppure no?
    La verità assoluta secondo me non esiste.
    Ciao.

  3. Ho utilizzato il termine “polemiche” riferendomi a chi non riesce ad entrare nel merito, a chi sa’ contrapporre slogan ideologici. Ovviamente le opinioni diverse è giusto che si confrontino.

  4. Speriamo che si possa arrivare, in tempi brevi, ad una legge. Una buona legge, che possa impedire ai magistrati di sostituirsi al medico e di decretare la sospensione dell’alimentazione ed idratazione, come nel caso Eluana!
    Balzaret

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...