Scienza & Vita: La società dei sani ha condannato Eluana!

 “Amarezza e stupore”: questi i sentimenti con i quali l’Associazione Scienza & Vita ha accolto la sentenza dei giudici milanesi che hanno autorizzato l’interruzione dei trattamenti di idratazione e alimentazione per Eluana Englaro.
“Grande amarezza – denuncia l’Associazione – perché si legittima l’uccisione di un essere umano privandolo delle cose più elementari: l’alimentazione e l’idratazione. Stupore perché la società dei sani ha deciso di non prendersi cura di un essere umano in condizioni di grandissima fragilità e dipendenza, condannandolo ad una morte atroce per fame e per sete”.

 

Nello specifico Scienza & Vita sottolinea “le errate motivazioni di questa decisione dei magistrati lombardi”. Innanzitutto da questa sentenza – osserva l’Associazione – emerge “l’idea che una persona in stato vegetativo sia soltanto una vita biologica, dimenticando che fino a quando c’è vita biologica, quella è sempre e comunque una vita personale, espressione di una dignità che interpella in modo forte le coscienze e la responsabilità di tutti”. In secondo luogo, l’Associazione denuncia l’emersione di “un malinteso concetto di libertà, che si può spingere fino ad eliminare il presupposto stesso della libertà, ovvero l’altrui vita fisica”.
“Con questa sentenza – conclude Scienza & Vita – si può aprire ad una pericolosa deriva culturale: che si consideri come criterio fondamentale l’esercizio dell’autonomia, anche laddove questa non possa più essere esercitata. E che, in nome di questa falsa autonomia, si metta in gioco anche quel rispetto per la dignità umana che proprio nella vita fisica trova la sua ragion d’essere. Partendo da questo presupposto, dobbiamo immaginare e temere un aumento delle richieste in questo senso”.
Un’ultima annotazione riguarda le famiglie toccate da questi drammi: “Dobbiamo chiederci cosa non è stato fatto in termini di cura e di sostegno ad una famiglia, che, come tante altre, si trova a dover fronteggiare una situazione ingestibile o per la quale la solitudine e la disperazione sono cattive consigliere”.

Annunci

8 pensieri su “Scienza & Vita: La società dei sani ha condannato Eluana!

  1. A me sembra l’opposto: la società dei sani in nome del fondamentalismo ideologico obbliga una donna in stato vegetativo permanente, che aveva pubblicamente espresso la volontà di non essere mantenuta in vita se avesse avuto danni cerebrali, a restare al mondo come fenomeno da baraccone, come simbolo involontario di una battaglia che non voleva combattere.

  2. Chi più di un genitore può amare un figlio, credo ci voglia rispetto per Eluana, per la famiglia e per decisioni che con molta sofferenza sono state prese.

    Quando vogliamo che Eluana passi a miglior vita?

  3. “Quando vogliamo che Eluana passi a miglior vita?”

    Semplice: quando il Signore vorrà!

    Nel frattempo però è importante che una società “civile” qual’è la nostra, con un forte tradizione cristina, continui ad assistere Eluana e la sua famiglia.

    L’amore per un figlio non si dimostra “terminandole” la vita di un innocente, ma donando la propria al suo fianco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...