New York Times: l’Italia, terra di emigranti, che non vuole gli stranieri…

 Un’Italia diffidente nei confronti degli stranieri e la cui cultura “si fonda su una dieta di giochi, pubblicità e serie televisive tutte monoetniche, bianche e fatte solo da italiani“.

E’ l’immagine estremamente critica dipinta oggi dal corrispondente da Roma del New York Times, Michael Kimmelman, che affronta in un articolo nella sezione culturale del quotidiano la paura crescente degli italiani nei confronti degli immigrati, stigmatizzata dai manifesti della Lega Nord che paragonano i nativi tricolore a quelli americani, finiti nelle riserve per colpa dei coloni europei.

Secondo l’articolo del quotidiano newyorchese, schierato su posizioni marcatamente progressiste, ad infiammare la paura verso lo straniero sarebbero stati “mezzi di informazione e politici populisti“, portando a discutere riforme alle norme sull’immigrazione tra le più severe d’Europa e mutando la stessa immagine della capitale, che ha eletto per la prima volta un sindaco che non ha detto “quasi niente sulla cultura se non che avrebbe tagliato i fondi agli eventi estivi”.

Continua a leggere…

Non è dunque solo la Lega Nord, non nuova a subire critiche da parte dei media stranieri, ad uscire malconcia dal giudizio dell’influente quotidiano statunitense, ma anche la città di Roma dove le scuole pubbliche “non si allontanano dalla dieta a base di spaghetti al ragù”, ora che il programma interculturale della città è stato abbandonato dal nuovo governo di centro destra, “dando retta a chi dubita delle proprietà nutrizionali dei cibi stranieri”.

Una posizione “paradossale” secondo il New York Times, quella italiana, visti i milioni di migranti che hanno lasciato le sue coste un secolo fa proprio verso gli Stati Uniti. La paura degli stranieri sarebbe così montata dai mezzi di informazione che avrebbero calcato sulle percentuali di stranieri all’interno della popolazionecarceraria, senza osservare che il numero dei delitti e degli omicidi si è più che dimezzato negli ultimi quindici anni.

A dispetto delle decine di librerie straniere che hanno accompagnato l’arrivo degli immigrati negli ultimi anni Kimmelman si domanda se i programmi multiculturali con il sostegno della Caritas avviati dall’ex sindaco Walter Veltroni saranno mantenuti.

Annunci

6 pensieri su “New York Times: l’Italia, terra di emigranti, che non vuole gli stranieri…

  1. Verissimo che siamo stati un popolo di emigranti, nella mia famiglia ce ne sono stati parecchi, ma c’erano delle regole ben precise da rispettare! Qui di regole neanche l’ombra, che benvengano gli stranieri, ma che rispettino le leggi del Paese che li ospita.
    Buona domenica!

  2. Il punto è che ci siamo talmente abituati alle stranezze di questo paese, che sentirle raccontare al tiggì o leggerle sul giornale quasi quasi ci par normale… (ho detto quasi eh)
    Poi scopriamo che le riportano anche all’estero. Allora ritorniamo sulla terra, allarghiamo le braccia… e un pò, magari, ce ne vergognamo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...